Facce da MAITE


Pietro Bailo

Dopo un travagliato percorso scolastico, intraprende la strada del teatro. Per più di dieci anni è attore, tecnico e scenografo, affiancando questa passione con lavori nel campo dell’educativa di strada, intervento educativo che si svolge nei luoghi informali (strade, parchi e cortili) attraversati e/o abitati persone in gravi condizioni di marginalità. Nel 2013 decide di dichiarare conclusa la propria esperienza come teatrante professionista e si dedica al progetto Maite.

Attualmente ricopre la carica di Presidente del Maite, facendo anche parte del gruppo operativo che si occupa della gestione degli spazi, in particolar modo della parte di allestimento tecnico di spettacoli, concerti e mostre. Data la sua carica, segue con altri maitiani i rapporti con le varie realtà ed istituzioni che entrano a contatto con l’associazione ed ExSA – Ex Carcere Sant’Agata.


Stefano “KiNO” Ferri

Fonda il Maite nel 2010, con il desiderio di far nascere uno spazio che unisca amici, cultura, musica e teatro. Dà il nome all’associazione in onore della Maite, pastore tedesco compagna di tante avventure. Dal 1995 è il frontman degli Arpioni, uno dei gruppi ska più longevi e famosi della scena italiana. Il suo lungo percorso musicale comprende anche I Peccatori, dove canta insieme a Pietro, esibendosi spesso tra circoli e piazze. Si dedica alla realizzazione delle rassegne maitiane “Vite in Libertà”, “Bergamo PiCa Festival”, “STAND UP-town COMEDY”, “Rude Boys Are Back UpTown”, curando l’aspetto artistico-musicale.

Al Maite, dopo anni in cui ha ricoperto la carica di Presidente, attualmente è Segretario. Si occupa della programmazione musicale, supervisionando e organizzando diverse attività dell’associazione.


Valeria Cortinovis

Educatrice ed (a breve) pedagogista, da sempre lavora con bambini, adolescenti e disabili. Laureata in scienze psicologiche all’Università di Bergamo è mamma del più giovane tesserato del Maite, appassionata di tutto ciò che riguarda la natura, amante della musica e fan n.1 de I Peccatori! Assolutamente convinta che dobbiamo essere “sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia”!

Al Maite il volontariato come barismo e tesseramento ha lasciato il posto all’organizzazione (con altre mamme) di  pomeriggi ed eventi per i più piccoli. Coordina alcuni aspetti amministrativi dell’associazione e si occupa degli incontri del giovane Gas – Gruppo di Acquisto Solidale del quartiere di Città Alta!


Valentina Cucci

Educatrice di professione, appassionata di teatro e canto, segue e sostiene il Maite sin dalla sua nascita. Esperta di lavoro di comunità, da anni collabora con le reti sociali cittadine per favorire l’inserimento di persone disabili nei quartieri. Si occupa inoltre di politiche giovanili nel quartiere di Celadina e Seriate.
Insieme a Valeria ha creato all’interno di Maite il progetto “MYLADY’s Jay”: musica di tutti i generi, per tutti, purché pronta a far ballare!

Al Maite fa parte del gruppo di mamme che organizza pomeriggi ed eventi per i più piccoli.


Pierpaolo Lameri

Si diploma in scultura al Liceo Artistico Statale Giacomo e Pio Manzù e continua nello stesso campo iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di Carrara (MS). Neolaureato alla specialistica in scultura presso la medesima accademia, attualmente vive, studia e lavora dividendosi tra Bergamo a Carrara dove si occupa anche di interior design.

E’ nel gruppo operativo del Maite, segue la gestione e progettazione degli spazi di ExSA – Ex Carcere Sant’Agata, in particolar modo della parte artistica legata alle mostre e performance d’arte.


Paola Algarotti

Laureata in Fashion Design presso l’Istituto Europeo di Design (IED Milano), consegue la specializzazione in “Scenografia: costume per lo spettacolo” all’Accademia di Belle Arti di Brera.
Attualmente si occupa di arte e di interior design, elaborando tutto il processo progettuale: dalla teorizzazione sino alla realizzazione fisica degli elementi progettati.
Crede fortemente nell’arte sociale e partecipata. Pensa al suo lavoro ogni minuto della sua giornata perché l’arte è la sua più grande passione oltre a essere il suo lavoro. Come diceva Joseph Beuys:“…L’arte da sola rende la vita possibile. Direi che senza l’arte l’uomo è inconcepibile in termini fisiologici… Direi che l’uomo non consiste solo di processi chimici, ma anche di eventi metafisici. L’uomo è veramente vivo solo quando si rende conto di essere un essere creativo e artistico…”

Al Maite fa parte del gruppo operativo, seguendo l’organizzazione di eventi artistici ed in ExSA – Ex Carcere Sant’Agata, insieme ad altri maitani si occupa della ristrutturazione degli spazi interni.


Gaia Bonacina

Biologa e nutrizionista, si occupa di ricerca in ambito di salute e alimentazione. Ha alle spalle un Dottorato di Ricerca in Biotecnologia degli Alimenti e un assegno di ricerca in Microbiologia Alimentare presso l’Università degli Studi di Milano. Attualmente è clinical research coordinator presso l’Unità di Ematologia dell’ASST Papa Giovanni XXIII ed è Peer Counsellor in allattamento materno certificata UNICEF.
Molto attiva nel territorio di Città Alta, collabora in progetti di educazione alimentare con LORTO – Orto Sociale e Orto Botanico di Bergamo. Mamma di Leonardo, Matilde e Nereide è coordinatrice del gruppo famiglie “La Ciurma dei Corsaroli”, gruppo informale del quartiere di Città Alta che organizza attività e uscite sul territorio con obiettivi aggregativi ed esplorativi.

Al Maite fa parte del gruppo di mamme che organizza pomeriggi ed eventi per i più piccoli.


Amadou Diallo

Grande ballerino e appassionato di lavori manuali, arriva a Bergamo nel 2015, dopo un lungo viaggio partito dal Senegal. Viene subito accolto in Città Alta dalla comunità Ruah, iniziando così il suo percorso in Italia. Tramite la comunità conosce il Maite e insieme a Mbaye e altri ragazzi, diventa parte attiva nel ripristino di ExSA – Ex Carcere Sant’Agata.

Attualmente è apprendista saldatore, ma continua la sua attività di volontario al Maite, essendo uno dei sorrisi più simpatici che potete trovare dietro al bancone!


Ferruccio Filipazzi

Attore, autore di testi teatrali e musicali, è attivo nel mondo dello spettacolo dal 1973. Ha lavorato con il Centro Teatrale Bresciano, il Teatro Stabile di Torino, il Teatro del Buratto, Fernanda Pivano, Dacia Maraini e Vincenzo Consolo. In occasione del 150° anniversario dell’ Unità d’Italia lavora a due progetti, uno a livello nazionale e un altro più locale legato a Bergamo-città dei Mille con la lettura delle memorie dei garibaldini bergamaschi. Oltre al teatro, sviluppa progetti legati alla lettura teatrale con bambini e adulti. “Perché se grande è il piacere di ascoltare, altrettanto grande è quello di leggere e raccontare!”. Ha letto in piazze, scuole, stazioni, rifugi, corriere, prati, balconi, cantine, montagne, osterie, castelli, barconi, furgoni, ville. Da solo o in compagnia di decine di musicisti.

Al Maite, oltre ad essere saggio consigliere, porta la sua esperienza teatrale, seguendo le rassegne dedicate agli adulti e curando progetti teatrali per i più piccoli.


Alessandra Di Pilato

Laureata in lettere presso l’Università degli Studi di Bergamo, attualmente frequenta il corso di laurea specialistica in economia e gestione dei beni e delle attività culturali presso l’Università Ca’Foscari di Venezia. Ha lavorato presso il Teatro Donizetti di Bergamo e sostenuto un tirocinio con la Fondazione Donizetti, esperienze grazie alle quali ha conosciuto sotto vari punti di vista il mondo dell’arte e dello spettacolo dal vivo. Valorizzare il patrimonio artistico e culturale in un’ottica sostenibile è una delle tematiche nelle quali crede maggiormente, affinché ogni progetto culturale creato, possa adeguarsi alla rete sociale che lo ospita, senza snaturare quanto di positivo è già presente sul territorio.

Al Maite si occupa con altri soci della gestione del bar e partecipa all’organizzazione di alcune attività culturali ed artistiche.


Giacomo Zambetti

Studia Ingegneria delle Tecnologie per la Salute presso l’Università degli Studi di Bergamo.
All’attività didattica ha sempre affiancato l’attività sociale, svolgendo beneficenza sul territorio: appena compiuta la maggiore età entra infatti a far parte del direttivo del Club Ricreativo di Pignolo Onlus.
Crede fermamente che per riuscire a fare beneficenza ed aiutare chi più ne ha bisogno, si debba creare una rete sociale forte e consapevole, che coinvolga la cultura in tutte le sue forme: arte, musica, spettacolo.

New entry al Maite, si occupa assieme ad altri, della gestione del bar e dell’organizzazione di qualche evento culturale.


Mbaye Fame

Originario di Mbour, Senegal, arriva in Italia nel 2015. Tramite la comunità Ruha di Castagneta entra in contatto con l’associazione Maite. Da subito con il suo amico Amadou trova nel circolo un ambiente piacevole e accogliente, sentendosi benvenuto e avendo la possibilità di conoscere molte persone. Diventa socio attivo occupandosi con altri maitiani delle attività di ripristino di ExSA – Ex Carcere Sant’Agata.

 Affianca il gruppo operativo del Maite, aiutando nell’allestimento tecnico di concerti e spettacoli; inoltre si occupa di tesserare tutti i nuovi soci!